Vai al contenuto

Lettera di 450 studenti ebrei della Columbia University

In nostro nome: un messaggio degli studenti ebrei della Columbia University

Alla Comunità della Columbia:

Negli ultimi sei mesi molti hanno parlato a nostro nome. Alcuni sono ex studenti o non affiliati ben intenzionati che si presentano per sventolare la bandiera israeliana fuori dai cancelli della Columbia. Alcuni sono politici che cercano di utilizzare le nostre esperienze per fomentare la guerra culturale americana. In particolare, alcuni sono nostri coetanei ebrei che si simbolizzano (ndt Tokenize, una tecnica aziendale per sostituire i dati sensibili con simboli o comunque dati non sensibili) affermando di rappresentare “veri valori ebraici” e tentano di delegittimare le nostre esperienze vissute di antisemitismo. Siamo qui a scrivervi come studenti ebrei della Columbia University, che sono collegati alla nostra comunità e profondamente coinvolti nella nostra cultura e storia. Vorremmo parlare a nostro nome.

Molti di noi si siedono accanto a te in classe. Siamo i tuoi partner di laboratorio, i tuoi compagni di studio, i tuoi colleghi e i tuoi amici. Partecipiamo al tuo stesso governo studentesco, club, vita greca, organizzazioni di volontariato e squadre sportive.

La maggior parte di noi non ha scelto di essere attivista politico. Non suoniamo i tamburi né cantiamo slogan accattivanti. Siamo studenti nella media, cerchiamo solo di superare gli esami finali, proprio come tutti voi. Coloro che ci demonizzano sotto il manto dell’antisionismo ci hanno costretto al nostro attivismo e ci hanno costretto a difendere pubblicamente le nostre identità ebraiche.

Crediamo con orgoglio nel diritto del popolo ebraico all’autodeterminazione nella nostra patria storica come principio fondamentale della nostra identità ebraica. Contrariamente a quanto molti hanno cercato di vendervi, no, il giudaismo non può essere separato da Israele. Il sionismo è, in poche parole, la manifestazione di quella convinzione.

I nostri testi religiosi sono pieni di riferimenti a Israele, Sion e Gerusalemme. La terra d’Israele è piena di resti archeologici di una presenza ebraica che dura da secoli. Eppure, nonostante generazioni vissute in esilio e diaspora in tutto il mondo, il popolo ebraico non ha mai smesso di sognare di tornare nella nostra patria: la Giudea, il luogo stesso da cui deriva il nostro nome, “ebrei”. Infatti, solo un paio di giorni fa, abbiamo tutti chiuso i nostri seder pasquali con la proclamazione: “L’anno prossimo a Gerusalemme!”

Molti di noi non sono religiosamente osservanti, eppure il sionismo rimane un pilastro della nostra identità ebraica. Siamo stati espulsi da Russia, Libia, Etiopia, Yemen, Afghanistan, Polonia, Egitto, Algeria, Germania, Iran e l’elenco potrebbe continuare. Ci colleghiamo a Israele non solo come nostra patria ancestrale, ma come l’unico posto nel mondo moderno in cui gli ebrei possono tranquillamente assumersi la responsabilità del proprio destino. Le nostre esperienze alla Columbia negli ultimi sei mesi ne sono un toccante promemoria.

Siamo cresciuti con le storie dei nostri nonni di campi di concentramento, camere a gas e pulizia etnica. L’essenza dell’antisemitismo di Hitler era proprio il fatto che non eravamo abbastanza europei, che come ebrei rappresentavamo una minaccia per la razza ariana “superiore”. Questa ideologia alla fine ha lasciato in cenere sei milioni di persone.

La malvagia ironia dell’antisemitismo di oggi è un contorto capovolgimento della nostra eredità dell’Olocausto; i manifestanti nel campus ci hanno disumanizzato, imponendoci la caratterizzazione del “colonizzatore bianco”. Ci è stato detto che siamo “gli oppressori di tutte le persone di colore” e che “l’Olocausto non è stato speciale”. Gli studenti della Columbia hanno gridato “non vogliamo nessun sionista qui”, insieme a “morte allo Stato sionista” e “torna in Polonia”, dove i nostri parenti giacciono in fosse comuni.

Questa distorsione malata mette in luce la natura dell’antisemitismo: in ogni generazione, il popolo ebraico viene incolpato e diventa il capro espiatorio in quanto responsabile del male sociale del tempo. In Iran e nel mondo arabo abbiamo subito una pulizia etnica a causa dei nostri presunti legami con l’“entità sionista”. In Russia, abbiamo sopportato la violenza sponsorizzata dallo stato e alla fine siamo stati massacrati perché capitalisti. In Europa siamo stati vittime di un genocidio perché eravamo comunisti e non abbastanza europei. E oggi affrontiamo l’accusa di essere troppo europei, dipinti come i peggiori mali della società: colonizzatori e oppressori. Siamo presi di mira perché crediamo che Israele, la nostra patria ancestrale e religiosa, abbia il diritto di esistere. Siamo presi di mira da coloro che abusano della parola sionista come un insulto sterilizzato per gli ebrei, sinonimo di razzista, oppressivo o genocida. Sappiamo fin troppo bene che l’antisemitismo sta cambiando forma. Siamo orgogliosi di Israele. L’unica democrazia del Medio Oriente, Israele ospita milioni di ebrei Mizrachi (ebrei di origine mediorientale), ebrei ashkenaziti (ebrei di origine dell’Europa centrale e orientale) ed ebrei etiopi, nonché milioni di arabi israeliani, su un periodo di oltre un anno. milioni di musulmani e centinaia di migliaia di cristiani e drusi. Israele è a dir poco un miracolo per il popolo ebraico e per il Medio Oriente in generale.Il nostro amore per Israele non necessita di un cieco conformismo politico. È esattamente il contrario. Per molti di noi, è il nostro profondo amore e impegno nei confronti di Israele che ci spinge a opporci quando il suo governo agisce in modi che riteniamo problematici. Il disaccordo politico israeliano è un’attività intrinsecamente sionista; basta guardare alle proteste contro le riforme giudiziarie di Netanyahu – da New York a Tel Aviv – per capire cosa significa lottare per l’Israele che immaginiamo. Bastano due chiacchiere con noi per un caffè per renderci conto che le nostre visioni su Israele differiscono notevolmente l’una dall’altra. Eppure proveniamo tutti da un luogo di amore e di aspirazione per un futuro migliore sia per gli israeliani che per i palestinesi.

Se gli ultimi sei mesi al campus ci hanno insegnato qualcosa, è che una popolazione numerosa e vivace della comunità della Columbia non comprende il significato del sionismo e, di conseguenza, non comprende l’essenza del popolo ebraico. Eppure, nonostante denunciamo da mesi l’antisemitismo che stiamo vivendo, le nostre preoccupazioni sono state ignorate e invalidate. Eccoci quindi a ricordarvi:

Abbiamo lanciato l’allarme il 12 ottobre, quando molti hanno protestato contro Israele mentre i cadaveri dei nostri amici e delle nostre famiglie erano ancora caldi.

Ci siamo tirati indietro quando le persone hanno urlato “resistere con ogni mezzo necessario”, dicendoci che siamo “tutti consanguinei” e che “non abbiamo cultura”. Abbiamo rabbrividito quando un “attivista” ha mostrato un cartello che diceva agli studenti ebrei che sarebbero stati i prossimi obiettivi di Hamas, e abbiamo scosso la testa increduli quando gli utenti di Sidechat ci hanno detto che stavamo mentendo.

Alla fine non siamo rimasti sorpresi quando un leader dell’accampamento CUAD ha affermato pubblicamente e con orgoglio che “i sionisti non meritano di vivere” e che siamo fortunati che “non si limitino ad uccidere i sionisti”.

Ci siamo sentiti impotenti quando abbiamo visto gli studenti e i docenti impedire fisicamente agli studenti ebrei di entrare nelle parti del campus che condividiamo, o anche quando hanno voltato la faccia in silenzio. Questo silenzio è familiare. Non lo dimenticheremo mai.

Una cosa è certa. Non smetteremo di difendere noi stessi. Siamo orgogliosi di essere ebrei e siamo orgogliosi di essere sionisti.

Siamo venuti alla Columbia perché volevamo espandere le nostre menti e impegnarci in conversazioni complesse. Anche se ora il campus può essere pieno di retorica piena di odio e di binari semplicistici, non è mai troppo tardi per iniziare a riparare le fratture e iniziare a sviluppare relazioni significative al di là delle divisioni politiche e religiose. La nostra tradizione ci dice: “Amate la pace e perseguite la pace”. Ci auguriamo che vi unirete a noi nel perseguire seriamente la pace, la verità e l’empatia. Insieme possiamo riparare il nostro campus.